Otranto

 

Otranto. Origini

Il territorio di Otranto fu abitato già durante l'era del bronzo e del ferro, come testimoniano i resti Paleolitici, ritrovati nelle immediate vicinanze. Fu poi popolata dai Messapi (della cui presenza nel 1995 sono state scoperte le mura ed una porta della città), e dai Greci, entrando, dunque, a far parte della Magna Grecia. In seguito, la città divenne parte del regno dei Romani, diventando municipio ed una delle città marinare più importanti della Puglia.

Come tutte le città del sud Italia, sopratutto quelle site lungo la costa, Otranto fu soggetta a continue razzie da parte dei Turchi. In particolare, nel 1480, la città fu espugnata sotto il regno di Maometto II, che fece strage della popolazione durante quella che viene oggi chiamata "la Battaglia di Otranto", uccidendo le 800 persone che si rifiutarono di convertirsi alla loro religione.

In epoche successive, la città fu contesa dai Veneziani, poi di nuovo dagli Angioini e dagli Ottomani. Otranto fece parte del Regno di Napoli, durante il quale vide la trasformazione dell'assetto urbanistico, con l'abbattimento di alcune mura difensive ed il riempimento del fossato.

Nel XX secolo fu riportata al suo splendore, ripristinando l'antico fossato fuori dalle mura e restaurando i suoi monumenti principali.

Ufficio Informazioni Turistiche

Indirizzo: Castello Alfonsino
Telefono: + 39 0836 801436

 

Distanza da Ostuni: 124 km
Tempo percorrenza in auto: 1 ora e 30 minuti circa

Luoghi in Puglia:Otranto

Scarica questa guida per apprezzare l'arte e divertirti ad Otranto.

Luoghi in Puglia: Otranto

Cosa trovi all'interno: Copertura completa della storia e dell'arte di Otranto. Il territorio con i suoi santuari, le cripte, i siti archeologici, le grotte, le masserie, le spiagge e luoghi lungo la costa. I migliori ristoranti, sia in Otranto che nei suoi dintorni, pub, winebar, pasticcerie e gelaterie artigianali. Consigli per lo shopping e per le attività sportive. Informazioni pratiche e generali come trasporti, orari di apertura degli esercizi ed altri indirizzi e numeri utili. Incluse 4 mappe.

E-book per Kindle, Ipad, Iphone, Smart phones, Tablet, PC e Mac.

Scarica la guida da Amazon.it

Cosa visitare a Otranto

La Cattedrale

Cattedrale di Santa Maria Annunziata - Otranto

La cattedrale di Otranto, edificata al di sopra di alcuni insediamenti di epoca messapica e romana, fu costruita durante la dominazione normanna, intorno al XII secolo, e dedicata a Santa Maria Annunziata. Caratteristica unica di questa cattedrale è il pavimento a mosaico di stile romanico che fu realizzato con piccoli tasselli di pietra locale, tra il 1163 ed il 1165 dal presbitero Pantaleone. Il mosaico, che si ammira per tutta la basilica, raffigura “l'albero della vita”, e rappresenta il dramma dell'uomo tra il bene ed il male.

La Chiesa di San Pietro

Chiesa di San Pietro - Otranto

Questa antica chiesa, situata nel cuore della città e simbolo dell'espressione dell'arte bizantina, venne costruita durante la dipendenza di Otranto, e di tutta la Terra d'Otranto, dalla sede patriarcale di Costantinopoli. Ha una forma quadrata e fu edificata tra il IX ed il X secolo, durante il secondo periodo aureo dell'architettura bizantina. All'interno si trovano interessanti affreschi, realizzati tra il X ed il XVI secolo.

Il Castello

Il castello di Otranto

Il Castello Aragonese di Otranto è un casello di forma pentagonale, anche se irregolare, a causa di alcuni ampliamenti, che portarono all'aggiunta di un bastione, sul lato che si affaccia sul mare. Queste opere vennero effettuate nel XVI secolo, con lo scopo di consentire il facile avvistamento delle navi in arrivo. Inoltre il castello venne costruito come parte della stessa cinta muraria città, formando, quindi, un unico sistema difensivo. Fu edificato da Alfonso d'Aragona tra il 1485 ed il 1498 e modificato, successivamente, dagli spagnoli. Ha tre torri circolari ed è circondato da un alto fossato, che si estende anche verso le mura della città, fino ad arrivare al mare nella parte rivolta a nord.

 

Inizio pagina